Eko

in KAYAK DA MARE, bivaccando libera-mente

Lago di GARDA – le grandi traversate

with 5 comments

Le  grandi  traversate  del

Lago  di  GARDA

Marco Zonno e Rino Luciano in mezzo al Garda – Traversata Sirmione-Porto Dusano –  Sullo sullo sfondo l’Alto Garda e il Monte Baldo innevato

Lago Prealpino – Italia settentrionale

In Kayak da Mare - Pagaiata di Km.42

Eko-mappa - Il Basso Garda - LE GRANDI TRAVERSATE

Le “Grandi Traversate” permettono di raggiungere con un’unica pagaiata i gioielli più belli e preziosi del Basso Garda.
 
Il Garda è il più Mediterraneo dei laghi Prealpini: per la sua ampiezza, per il clima particolarmente mite e soleggiato e per la vegetazione arricchita da molti ulivi e cipressi.

Immensità Gardesana - Traversata Bardolino-Sirmione

Per Eko il Basso Garda è un “mare” prealpino e come tutti i grandi mari spesso permette di contemplare l’orizzonte.                                                                                                          

Sirmione - Pagaiando nel fossato del Castello Scaligero

  • Introduzione:

Il Basso Garda ha spesso accompagnato la mia vita.                                                                                                               Da ragazzino, finita la scuola e iniziate le vacanze estive, lasciavo Milano per trascorrete alcune settimane dai nonni, nella loro casa di campagna, in un paese del mantovano posto ai piedi delle colline moreniche.                                                  Dalla corte di casa, prendevo spesso una vecchia bicicletta e pedalavo su e giù per le verdi e ridenti colline, lungo stradine che ai tempi erano spesso sterrate.                                                                                                                                    Un foglio di giornale, che mettevo tra la maglia e la canottiera, mi proteggeva dal vento delle discese.; era questo l’abbigliamento tecnico del tempo.                                                                                                                      A volte con qualche amico altre volte solo, pedalavo, sino a raggiungere la mia meta.                               Arrivavo sudato ma felice alle cittadine della costa sud del lago: Desenzano, Sirmione, Peschiera.                                                                                    Raggiungevo le varie spiagge per tuffarmi in queste acque.                                                           La spiaggia preferita era il rinomato Lido delle Bionde a Sirmione. 

Il Basso Garda, ampio quanto un mare, mi appariva dai confini misteriosi, tutti da immaginare e scoprire.

A volte pedalavo lungo la costa, un poco più a nord, avvicinandomi ai primi rilievi.

All’età di 14 anni. trascorsi a Garda le vacanze con gli amici, frequentando le spiagge del golfo. e l’anno seguente a Villa di Gargnano, dove il Garda si fa già più stretto e montuoso.

Anni dopo tornai più volte sul lago con Mariangela e i figli piccoli, la meta preferita era la Baia di Pisenze, nei pressi di Manerba o la spiaggia di Campione, ai piedi di una altissimi rupe, dove c’era un parcheggio comodo per i camper.

Ma solo calzando un kayak da mare, ho potuto finalmente scoprire e conoscere veramente il lago, ogni promontorio, ogni isola, ogni spiaggia, ogni scogliera, ogni soffio di vento.

Tutto ciò che un tempo mi appariva misterioso e infinito, pagaiando si svela dolcemente. 

Dal Golfo di Garda - Tramonto verso Punta San Vigilio e la sponda bresciana sullo sfondo

La cascata sgorga dalle roccie della Rocca di Manerba

 
______________________________________________________________________________
L’itineratio in breve 
 
In Kayak – Traversate totali: Km. 26,5:
  • – Da punta Cornicello di Bardolino a Punta Grotte di Sirmione: Km. 10 – rotta 239°
  • – Da Punta Grotte di Sirmione a Porto Dusano: Km.5,6 – rotta 339°
  • – Da Punta Rocca di Manerba a Isola di San Biagio Punta Sud: Km. 1,1
  • – Dall’Isola di San Biagio (Punta Sud) all’Isola del Garda (Punta Est) lungo il percorso degli Scogli dell’Altare e dei Piloni: Km. 3,3
  • – Dall’Isola del Garda (Punta Est) alla spiaggetta delle Anime (Brancolino): Km. 6,5 – rotta 95°
In kayak – Pagaiando sotto costa: totali Km. 15,5
  • – Isola di Sirmione: Km. 3,5
  • – Sponda Bresciana da Porto Dusano alla Rocca di Manerba: km. 2
  • – Isola del Garda: Km. 2,3
  • – Sponda Veronese da le Anime di Brancolino a Punta Cornicello di Bardolino (Baia delle Sirene – Punta San Vigilio – Golfo di Garda e Rocca): Km. 7,7
______________________________________________________________________
 
In quest’ultima domenica d’inverno abbiamo voluto ripetere una pagaiata già fatta in passato, ma per la prima volta imbarcandoci dalla sponda veronese, anziché da quella bresciana, per navigare sempre con il sole alle spalle e così poter godere pienamente del paesaggio davanti a noi, senza essere abbagliati dalla luce che in inverno è radente sull’acqua. 

Lungolago Preite a Bardolino - le anatre dormienti sulla spiaggia ancora in ombra


Raggiungiamo Bardolino, terra di olio extravergine e di vino, ci sono ampi parcheggi nei pressi del Centro Nautico e durante la stagione invernale è possibile parcheggiare liberamente sul Lungolago Preite, poco più a nord di Punta Cornicello, dove c’è una comoda spiaggetta utile per l’imbarco.
La spiaggia è ancora in ombra e alcune coppie di anatre vengono svegliate dai nostri preparativi per l’imbarco.
Nella baia ci sono molte barche all’ancora.

Bardolino - Punta Cornicello


Pagaiamo per i primi 300 metri fino alla Punta Cornicello, oltre la quale osserviamo il piccolo golfo delimitato a sud da Punta Mirabello e sul quale si affaccia il centro storico di Bardolino.
 

Bardolino Punta Cornicello

Traversata Bardolino-Sirmione - Sullo sfondo La Rocca e il Golfo di Garda che termina a Punta San Vigilio

                                                                              Abbandonata Punta Cornicello, iniziamo la nostra traversata più lunga verso Punta Grotte di Sirmione (10 km.), che si protende nel mezzo dell’ampio bacino inferiore del Lago di Garda.

Punta San Vigilio - dalla traversata Bardolino-Sirmione

Il golfo di Garda e sullo sfondo il Monte Baldo innevato

 
                                                                                                                               
 

Il Golfo di Garda, la Rocca e il Monte Baldo innevato (col teleobbiettivo)

La visibilità è ottima e si naviga a vista verso una grande costruzione posta sulla collina del vertice nord di Sirmione, da lontano sembra che sia collocata più a ovest, sulle colline della sponda bresciana del lago, ma non è così, è solo un effetto ottico.
 

La scogliera della rocca di Manerba (col teleobbiettivo) - il vento che scende da nord cambia il blue del lago.

in mezzo al lago di Garda - sullo sfondo, si confonde con l'orizzonte, la costa sud del Golfo di Peschiera

                                                Durante la traversata godiamo di un vastissimo panorama, a 360°.
                                           
 
 

Il grande Golfo di Peschiera

A nord il Golfo di Garda delimitato dalla Rocca e dal Promontorio di San Vigilio, oltre il quale, il lago si allunga nel suo ramo settentrionale, stretto sempre più tra le catene montuose del Monte Baldo e delle Prealpi Bresciane.
 
                                                                                                                                 

L'Isola di Sirmione

Verso nord-ovest appare inconfondibile la Rocca di Manerba, mentre a sud si intravedono, in lontananza, le colline moreniche teatro di memorabili battaglie risorgimentali e si distingue l’alta Torre di San Martino della Battaglia.
Durante la traversata, percepiamo tutta la vastità del Garda, la sensazione è marina ed è in questa circostanza che il Garda ci appare come il più mediterraneo dei laghi Prealpini. 

L'Isola di Sirmione

                                                                                                                       

Sirmione Punta Grotte

Punta Grotte di Sirmione e la spiaggia

 
Avvicinandoci a Punta Grotte di Sirmione, sono sempre più evidenti gli imponenti ruderi delle “Grotte di Catullo” che dominano l’estremità della penisola di Sirmione.                                                                                                                                                                                 

Eko-mappa SIRMIONE

Le rovine risalgono alla più estesa villa romana ritrovata nel Nord Italia, realizzata nel 1° secolo d.C..
Altri archeologi sostengono che sono i resti di un enorme complesso termale.
                                                                                                                                           
A poche centinaia di metri da Punta Grotte, sul fondo del lago si trova la Fonte Boiola che sgorga acqua termale a 69° .
Nel primo secolo a.C., fu proprio il poeta romano Catullo a comporre odi che decantarono questi luoghi.
                                                                                                                                            Il livello del lago è piuttosto alto e l’acqua copre le lastre rocciose del promontorio.
Ricordo che con meno acqua si forma un paesaggio molto suggestivo fatto di rocce e di acque che penetrano in lunghi canali.
                                                       

Sirmione - la spiaggetta di Punta Grotte

                                                                                 Senza difficoltà, approdiamo su una bella spiaggetta ghiaiosa posta al vertice della penisola, proprio ai piedi della collina.

Sirmione - il prato e gli ulivi della spiaggia di Punta Grotte e il Monte Baldo innevato

Sirmione - La spiaggia di Punta Grotte rivolta verso l'Alto Garda

                                                 

Sirmione - La spiaggia di Punta Grotte e i monti bresciani

Sirmione - Punta Grotte

Passeggiamo un poco sul vertice del promontorio e poi, ripresi i kayak, pagaiamo  lungo la sponda orientale.                            
 

Sirmione - Punta Grotte - ai piedi delle Grotte di Catullo

Sirmione - cigni in gita a Punta Grotte

Sirmione - Ai piedi delle Grotte di Catullo

 

Sirmione - Ai piedi delle Grotte di Catullo

                                                                       

Sirmione - il versante orientale di Punta Grotte

Sirmione - la scogliera del versante nord-orientale

Sirmione - La scogliera orientale

 

Sirmione - quando finisce la scogliera ecco il Lido delle Bionde

Sirmione - il Lido delle Bionde

Dopo una ripida scogliera ecco il Lido delle Bionde che precede una bella passeggiata a lago tra i cipressi.
 

Sirmione - passeggiata orientale

Sirmione - La torre e il Campanile di Santa Maria Maggiore

Ammiriamo poi la chiesa di Santa Maria Maggiore e giungiamo al Castello Scaligero che chiude con le sue mura l’accesso al paese medioevale di Sirmione.
 

Sirmione - La torre e il Campanile di Santa Maria Maggiore

Sirmione - Il Castello Scaligero

 
                                                 

Sirmione - Il Castello Scaligero

                                                                                       
 
 
 
 

Sirmione - le mura a lago della darsena Scaligera

 

Sirmione - la darsena Scaligera

 

Sirmione - il fossato del Castello Scaligero

Sirmione - la porta della dersena Scaligera

La Rocca Scaligera e la Darsena protetta da alte mura merlate sono un raro e magnifico esempio di fortificazione lacustre eretta nel medioevo e ancora perfettamente conservata.
Pagaiamo nel fossato che la circonda e ci soffermiamo ad ammirarne l’architettura.  
 
 
 
 

Sirmione - Le mura della Darsena Scaligera

 

Sirmione - Il fossato del Castello Scaligero

Sirmione - Il fosso del Castello Scaligero e il passaggio sotto al ponte di accesso

Sirmione - Il fosso del Castello Scaligero e il ponte di accesso

 Oltrepassata la Grande Darsena, entriamo nel fossato del Castello e passando sotto il ponte entriamo nel Porto, oltre al quale, usciamo sul versante occidentale dell’Isola di Sirmione.
 

Sirmione - in kayak sotto il ponte levatoio del Castello Scaligero

                                                                  
         Tutte le guide parlano della Penisola di Sirmione, ma, navigando in kayak, si scopre che è, in realtà, un’isola, e che isola !!!
Sirmione è la più grande delle sei isole* del lago di Garda. 

l'accesso al Porto di Sirmione

                                                                                                                                     

passando sotto il ponte entriamo nel Porto di Sirmione

 
 
 
 
 
* Per un kayaker le isole del Lago di Garda sono sei:
 
l’Isola dell’Olivo,
l’Isola di Val di Sogno,
l’Isola di Trimelone
che si trovano nella parte alta del lago;
 
l’Isola di San Biagio,
l’Isola di Garda e 
l’Isola di Sirmione
che si trovano nella parte meridionale del Lago di Garda, e che visitiamo durante questa nostra escursione.
 
 

Sirmione - hotel lungo la costa occidentale

 

Terme di Sirmione - lungo la costa occidentale

 
Prima di arrivare a Punta Staffalo, sulla riva si affacciano numerosi hotel e un frequentato centro termale.

Punta Staffalo di Sirmione

                                                 

Sirmione - il balcone a Punta Staffalo

                                                                                      Punta Staffalo è caratterizzata da un balconcino che si protende sull’acqua.

Sirmione costa occidentale - Le Grotte di Catullo e il Monte Baldo sullo sfondo

Sirmione costa occidentale - Le Grotte di Catullo

Avvicinandoci a Punta Grotte percorriamo un tratto posto ai piedi della collina delle Grotte di Catullo.
Si naviga in una zona con numerosi lastroni rocciosi affioranti, che ricordo di aver visto in altre circostanze, con il livello del lago più basso, formare numerosi canali d’acqua che rendono il paesaggio molto suggestivo.

Sirmione - Punta Grotte

                                                                     

L'Alto Garda visto da Punta Grotte di Sirmione

Traversata Sirmione-Porto Dusano - Sullo sfondo la Rocca di Manerba e i monti Bresciani

                                                                
Da Punta Grotte affrontiamo la traversata di 5,5 km. fino a Porto Dusano.

Traversata Sirmione-Porto Dusano - Sullo sfondo l'Alto Garda e il Monte Baldo innevato

A sud il Golfo di Desenzano è avvolto dalla foschia, mentre verso nord lo sguardo spazia dai Monti Bresciani a ovest, al Monte Baldo innevato a est, che cingono il ramo settentrionale del lago.

Traversata Sirmione-Porto Dusano - La Rocca di Manerba e i monti Bresciani

                                            Ci avviciniamo alla selvaggia scogliera della Rocca di Manerba e una volta giunti a Porto Dusano sostiamo brevemente sull’ampia e candida spiaggia ghiaiosa.
 

Il Grande Basso Garda - visto da Porto Dusano

spiaggia e giardino a Porto Dusano

 

sbarco sulla spiaggia di Porto Dusano

                                               

dal largo di Porto Dusano - La Rocca di Manerba e il Monte Baldo innevato

Eko-mappa Basso Garda - sponda Bresciana

La costa della Rocca di Manerba è molto bella e selvaggia, con pareti rocciose a picco sul lago, e   spiaggette oggi molto ridotte a causa dall’alto livello dell’acqua del lago.

La Baia di Purto Dusano

 

La costa della Rocca di Manerba

                                                           

La costa della Rocca di Manerba

                                                                 

La costa della Rocca di Manerba

             
 
 
 
 
 
 
 

La costa della Rocca di Manerba

 

La cascata sgorga dalle roccie della Rocca di Manerba

Ci fermiamo ad osservare una curiosa cascata che sembra nascere dal mezzo della scogliera e poi, in poco più di un chilometro di traversata, sbarchiamo sull’Isola di San Biagio per cucinare il nostro pranzo.
L’isola è privata, ben tenuta e attrezzata con panche e tavoli su un bel prato.
Nell’alta stagione, da aprile a settembre, l’isola è raggiunta da molti bagnanti che per accedervi devono pagare un ticket, ma in inverno è uno splendido luogo di pace.

La costa della Rocca di Manerba

 

La costa della Rocca di Manerba

       

La costa della Rocca di Manerba

La costa della Rocca di Manerba

 

La costa della Rocca di Manerba

     

Lo stile di Rino durante la Traversata Rocca di Manerba-Isola di San Biagio - Il Monte Baldo sulla sponda veronese

L'approdo all'Isola di San Biagio

 

Sull'Isola di San Biagio, é l'ora di tirar fuori le provviste

                                                                         

L'Isola di San Biagio (costa sud)

il cigno all'Isola di San Biagio

 

La Rocca di Manerba vista in controluce dall'Isola di San Biagio

                           

Isola di San Biagio

Isola di San Biagio

 

Isola di San Biagio

           

Isola di San Biagio - Isola del Garda in lontananza

A nord dell'isola di San Biagio

A nord dell'isola di San Biagio

Lasciata l’isola di San Biagio, proseguiamo la nostra pagaiata verso NNE, lungo un sentiero acquatico (km. 3,3) scandito da una dorsale di scogli affioranti (i Conigli, gli Scogli dell’Altare e i Crostei), che oggi sono quasi completamente sommersi, ma identificabili da una serie di piloni gialli.
 

Scogli I Conigli

                                         

Traversata dall'Isola di San Biagio all'Isola del Garda

                                                             

Isola del Garda

Isola del Garda - Villa Cavazza

Raggiungiamo l’Isola del Garda presso la Punta Est.
 
 
 

Isola del Garda

Isola del Garda - punta a sud-est

L’isola è proprietà dei conti Borghese-Cavazza.
In epoca romana vi sorgeva un tempio dedicato a Giove mentre nel 13° secolo San Francesco fondò un monastero frequentato anche da Sant’Antonio da Padova.
                                                                Il giro dell’isola (2,3 km.) è assolutamente da fare con calma e attenzione.
 
  

Isola del Garda - punta est

Isola del Garda - punta est

 

Isola del Garda - punta est

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Isola del Garda -versante Nord

 

Isola del Garda -versante Nord

                                                   

Isola del Garda -versante Nord

Isola del Garda -versante Nord

 

Isola del Garda -versante Nord

Costeggiamo la sponda nord, prima sotto la scogliera e quando questa si abbassa, abbiamo modo di ammirare un rigoglioso e variegato ambiente botanico mediterraneo, arricchito da numerose piante esotiche.

Isola del Garda -versante Nord

                                                                                       

Isola del Garda -versante Nord - sullo sfondo il Monte Baldo

Isola del Garda -versante Nord

 
 
 

Dall'Isola del Garda, in controluce verso la Baia del Vento

 
 

Isola del Garda - punta occidentale - Targa Diritto Privato di Pesca, Proprietà Livia Borghese Cavazza, Decreto Prefettizio 31 Marzo 1887

Isola del Garda -versante Sud

Anche il versante sud è naturalisticamente molto bello, e prima di ritrovarci nuovamente alla Punta Est ammiriamo la straordinaria Villa Cavazza (1903): un grande palazzo in stile neogotico-veneziano, ricco di sorprendenti particolari architettonici e attorniato da un lussureggiante giardino terrazzato.
Da aprile a ottobre è possibile visitare l’isola, contattando i proprietari: http://www.isoladelgarda.com

Isola del Garda - un ponticello unisce l'isola allo scoglio occidentale

Isola del Garda -versante Sud

 

Isola del Garda -versante Sud

 

Isola del Garda - versante Sud - Pagaiando sotto lo sguardo degli aironi

Isola del Garda -versante Sud

 

Isola del Garda - versante Sud

                                                                                               

Isola del Garda -versante Sud

Isola del Garda -versante Sud

 

Isola del Garda -versante Sud

                       
           

Isola del Garda -versante Sud - Villa Cavazza-Borghese

Isola del Garda -versante Sud - Villa Cavazza-Borghese

 

Isola del Garda -versante Sud - Villa Cavazza-Borghese

           

Isola del Garda -versante Sud - Villa Cavazza-Borghese

Traversata dall'Isola del Garda alla sponda veronese - Sullo sfondo la Rocca di Manarba

 

Traversata dall'Isola del Garda alla sponda veronese

 

Traversata dall'Isola del Garda alla sponda veronese - vista verso l'Alto Garda

Con un’ultima traversata pagaiamo verso la sponda veronese e raggiungiamo la località di Brancolino, a sud di Torri del Benaco.

Traversata dall'Isola del Garda alla sponda veronese - a destra Punta San Vigilio

Eko-mappa Basso Garda - Sponda Veronese

La costa veronese tra Torri del Benaco e Punta San Vigilio

 

La costa veronese di Brancolino (tra Torri del Benaco e Punta San Vigilio)

                                             

La costa veronese di Brancolino (tra Torri del Benaco e Punta San Vigilio)

Villa Caratti - La costa veronese di Brancolino (tra Torri del Benaco e Punta San Vigilio)

Riprendiamo a costeggiare verso sud, per fermarci poco oltre la villa Caratti, nella spiaggia libera della Baia delle Sirene.
E’ un tranquillo e magnifico luogo tra ulivi e cipressi, e merita una sosta. La spiaggia è ampia e dietro ad essa c’è un bel prato con ulivi, posto ai piedi delle rupi del Monte Pomo e del Monte Luppia, ultima propaggine sud del Monte Baldo, luogo dove si possono ancora vedere numerosi graffiti preistorici.

La spiaggia "free" della Baia delle Sirene

                                                                         

La spiaggia "free" della Baia delle Sirene

                       

La spiaggia "free" della Baia delle Sirene

La spiaggia "free" della Baia delle Sirene

 

La Baia delle Sirene e la rocca del Pomo

La parte sud della Baia delle Sirene è meno interessante perchè attrezzata con un lido.
 

Villa Guarienti - Punta San vigilio

                                                                                                                                     
Siamo ora a Punta San Vigilio, un magnifico promontorio sul quale sorge Villa Guarienti fatta erigere nel XVI° sec. dal filosofo umanista Agostino Brenzone che qui compose il trattato “Della vita solitaria”.
 

Villa Guarienti - Punta San vigilio

Villa Guarienti - Punta San vigilio (l'ingresso dal lago)

Oggi è l’abitazione di rappresentanza di Giovanni Rana, il re dei tortellini, ma in passato è stata frequentata da numerosi artisti, e noti personaggi tra cui la famiglia reale inglese, principi, zar, imperatori, famosi uomimi politici, attori e attrici tra cui la stella di “Via col vento” Vivien Leigh. 

Sul Promontorio di Punta San Vigilio, i giardini di Villa Guarienti

                                                                                                                                 

A Punta San Vigilio sorge la chiesa omonima

 

Punta san Vigilio - chiesa San Vigilio con la statua di San Giovanni Nepomuceno, protettore dei naviganti.

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

Punta san Vigilio

Accanto alla villa si trova la chiesetta romanica di San Vigilio che risale al Cinquecento; nella parete bagnata dalle acque, in una nicchia visibile solo dal lago, è sistemata la statua di San Giovanni Nepomuceno, protettore dei naviganti.

Punta San Vigilio e il porticciolo

 

Punta San Vigilio e uno scorcio del porticciolo

                                               

Punta San Vigilio e uno scorcio del porticciolo

                         
 

Punta San Vigilio e il porticciolo

                                                             

Punta San Vigilio in controluce, vista dal porticciolo

  Il pittoresco borgo di San Vigilio e la sua storica locanda si affacciano alla darsena di fronte allo Scoglio della Stella.

Lo Scoglio della Stella, situato davanto al promontorio di Punta San Vigilio

Tramonto verso la sponda bresciana

 

Tramonto - costa bresciana vista da Punta San Vigilio

 
Oltrepassata Punta San Vigilio ci troviamo nel grande Golfo di Garda, lo percorriamo col sole che nascosto dalle nubi e avvicinandoci all’ora del tramonto, fa assumere all’acqua colori via via sempre più madreperlacei.

Il Golfo di Garda e la Rocca

Punta San Vigilio vista al tramonto dal Golfo di Garda

 

Punta San Vigilio vista al tramonto dal Golfo di Garda

                                                             
 

Punta San Vigilio - controluce al tramonto

Il Golfo di Garda e la Rocca

 

Scorcio del Golfo di Garda

                                                               
 
 
 
 
 
Affacciate al lago ci sono alcune ville signorili: Villa Tarika, l’imponente Villa Canossa (XVI° sec.) e l’inconfondibile Villa Albertini che sembra un castello, già dimora del re Carlo Alberto nel 1848, poi del presidente della Repubblica Antonio Segni e in giorni più recenti, del famoso calciatore Franz Beckenbauer.

La Rocca di Garda

Scorcio del Golfo di Garda

 

Scorcio del Golfo di Garda

                                                                                     
     

Villa Canossa si affaccia al Golfo di Garda

Villa Canossa si affaccia al Golfo di Garda

 

Villa del Golfo di Garda

           

Garda - la passeggiata lungolago

                          Siamo ormai nella parte più profonda del golfo dove è situata la vivace e turistica cittadina di Garda.

Anatre del Garda

 

Il porto di Garda

                                                                                                                                   

Querida nel porto di Garda

A sud il golfo è chiuso dal promontorio della Rocca di Garda.

Il molo del porto di Garda e la Rocca

 

Garda - Villa degli Albertini

                                                                                                                   
         

Palazzo La Losa - Garda

             
 
 
 
 

La Rocca di Garda

Il sole è ormai tramontato mentre percorriamo l’ultimo tratto dove si susseguono centri nautici e campeggi tra la Rocca di Garda e Bardolino.

Tramonto nel Golfo di Garda

Tramonto verso Punta san Vigilio

 

Tramonto verso Punta san Vigilio

                                                                                                               

Tramonto verso Punta san Vigilio

               
Guardando verso ovest, ammiriamo ancora questo Garda che assume dimensioni e fierezza Mediterranea.

al largo di Bardolino - Le ultime pagaiate della giornata

Quest’oggi le acque del Garda si sono mantenute calme, ma a volte il lago è agitato da venti impetuosi che incanalandosi da nord, danno vita, nel Basso Garda, ad onde molto marine.

i compagni di pagaiata a Porto Dusano

                                                                                                                                                                    Pagaiata di Marco Zonno e Marco Ferrario (nel tratto Sirmione-Isola del Garda ci ha fatto compagnia Rino Luciano).                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                     Testi e fotografie di Eko
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Vedere anche gli Eko-articoli:  Alto lago di GARDA    e   Isole del lago di GARDA

5 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Leggendo il vostro resoconto, ci é venuta voglia di fare campeggio nautico sul lago di Garda!! Ottima idea, penso che questo progetto lo realizzeremo quest’anno!

    francesca

    21 febbraio 2012 at 15:32

  2. Ottimo foto splendide ciao Mauro

    mauro riva

    19 gennaio 2012 at 15:44

  3. complimenti.. bellissimo servizio.. io sono di Peschiera del garda.. il vs. racconto è davvero entusiasmante.. giancarla

    giancarla

    10 ottobre 2011 at 01:18

  4. All’inizio dell’estate ho percorso costeggiando tutto il Lago di Garda in kayak (campeggio nautico). Ritrovo nelle tue foto e mappe i piaceri delle scoperte di luoghi e di arte molto belli, li sentimenti, le riflessioni, talvolta i silenzi nella gioia profonda di pagaiare in acqua dolce per la prima volta durante più giorni. Bellissimo il lago (particolarmente la parte alta più allo stato naturale), splendide le foto ed il resoconto! Grazie!

    luisella

    16 settembre 2011 at 11:05

  5. Lovely Photos! Stunning environment and old beautiful architechture!

    Peter

    17 luglio 2011 at 09:27


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...