Eko

in KAYAK DA MARE, bivaccando libera-mente

Isole ECHINADI

with 6 comments

Dal golfo di Astakos all’arcipelago delle

E C H I N A D I

Isole “Ricci di mare”

A - Arcipelago di Echinades (15)Mare Ionio – Grecia

agosto 2009
Premessa:
Dieci anni fa, mentre dall’isola di Itaca contemplavo il mare che ad est la separa dalla regione greca dell’Acarnania, la mia attenzione fu attratta da numerose terre, apparentemente sperdute nello Ionio greco.
Terre che sembravano isolate e sospese sull’acqua.
Identificai con certezza l’isola di Atokos, a circa 9 chilometri da Itaca, mentre altre, più lontane, si confondevano nella foschia, tra il continente, il mare ed il cielo.
Il desiderio di conoscenza mi spinse a consultare le mappe, così verificai che quanto osservato in lontananza, erano isole disabitate, senza strade nè paesi.
Erano molte isole, più di quante ne immaginassi.
Fu così che nacque in me il desiderio di conoscerle da vicino, tanto più che dopo aver vagabondato numerose volte nell’arcipelago del mare Ionio Greco (Corfù, Paxi, Lefkada, Cefalonia, Itaca, ecc.), di queste isole mai avevo avuto notizie e mai avevo sentito parlarne, sembravano inesistenti.
Invece sono una ventina di isole, isolotti e qualche scoglio, e formano
l'arcipelago delle isole Echinadi.

Sul traghetto da Ancona a Patrasso - i kayak sul tetto del camper

sul traghetto da Ancona a Patrasso - i kayak sul tetto del camper

Il nostro viaggio inizia ad Ancona dove ci imbarchiamo su una nave della compagnia Superfast che in 21 ore di navigazione ci conduce a Patrasso, importante porto sulla costa nord del Peloponneso.
Una nave splendida e pulita, e un viaggio comodo sul ponte aperto, ove abbiamo soggiornato a bordo del nostro camper. Le lunghe ore del viaggio sono state allietate dalla visione di alcuni film portati da casa, grazie al nostro PC portatile.

p1060569 la fortezza di Rio e il ponte

la fortezza di Rio e i pilastri del ponte

Sbarcati a Patrasso, percorriamo una decina di chilometri in direzione di Atene e ci fermiamo a Rio dove la fortezza merita una visita (orario di apertura dalle 8,30 alle 15).

E’ forte il contrasto fra la fortezza antica ed il faraonico ponte stradale costruito in occasione delle olimpiadi del 2004.

B - Ponte tra Rio e Antimor (9)

il ponte tra Rio e Andirio

Il ponte, slanciato simbolo della modernità greca, congiunge il Peloponneso con la Grecia Centrale. In passato lo avevamo percorso altre volte in camper, ma per poter ammirare meglio l’architettura, decidiamo di contemplarlo dal mare e perciò ci imbarchiamo su uno dei numerosi traghetti che ogni dieci minuti, ancora come un tempo, congiungono le due sponde, qui dove termina il golfo di Patrasso e si apre quello di Corinto. Il breve viaggio in traghetto è molto panoramico e più economico del ticket per il diritto di transito sul ponte.

p1060582il ponte visto dal forte di Rio

il ponte visto dal forte di Rio

B - La fortezza di Antirio e il ponte (3)

la fortezza di Andirio e il ponte

Sbarchiamo ad Andirio, nei pressi della fortezza turca.

In camper raggiungiamo la città di Messòlongi e oltrepassiamo il fiume Acheloos; la costa qui è bassa e paludosa e noi, che preferiamo un mare dal paesaggio più vario e movimentato, proseguiamo il viaggio sino al golfo di Astakos.

Astakos è un villaggio situato in fondo all’omonimo golfo. Dal porto di Patrasso, fin qui, abbiamo percorso in camper un centinaio di chilometri su strade in buono stato e poco trafficate.

Dalla strada costiera che prosegue dopo Astakos, alta sulla scogliera del versante occidentale del golfo, scorgiamo alcune calette adatte al campeggio libero ed altre con insediamenti nei pressi di grandi vasche marine adibite all’allevamento del pesce.

A - Da Marathias verso astakos - ritorno (9)

nel golfo di Astakos

A - Spiaggia di marathias

campeggio libero sulla spiaggia di Marathias

Poco prima del promontorio che delimita il golfo prendiamo la deviazione che porta alla spiaggia di Marathias, eccellente base per varare i nostri kayak alla scoperta delle isole Echinadi. La baia è raggiungibile percorrendo una ripida ed ampia strada asfaltata. Tra la vegetazione e vicino alla spiaggia, alcuni greci, con un invadente senso di proprietà, hanno recintato alla bellemeglio la “loro” piazzuola sulla quale hanno sistemato le tende e le roulottes. Nonostante l’aspetto stanziale e un poco triste dell’accampamento, ci fermiamo qui per tre giorni.

E - Pigs on Marathias

i maialini scendono spesso a pascolare alla spiaggia di Marathias

BZ - Da Marathias (7)

piccole spiagge nel golfo di Astakos

C - Da Marathias verso Astakos (1)

spiaggia nel golfo di Astakos e acque cristalline

La spiaggia di Marathias si trova in fondo ad una insenatura riparata dai venti estivi dominanti, mantendo così il mare calmo fino al promontorio.

Usciti dal golfo, in mare aperto, il vento si fa sentire specialmente nelle ore pomeridiane.

Dopo aver esplorato in kayak la bella costa del golfo di Astakos, in fondo alla quale è collocata la cittadina da cui partono i traghetti per le Isole di Itaca e di Cefalonia, e aver costeggiato un tratto a nord in direzione di Mitikas, ci siamo diretti verso le isole Echinadi-Drakoneres.

Mappa Arcipelago Isole Echinadi

mappa dell'Arcipelago delle isole Echinadi

A - Arcipelago di Echinades (2)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (3)

Isole Echinadi - Drakoneres

L’arcipelago delle Echinadi si estende dal largo della piana alluvionale del fiume Acheloos e si allunga in un susseguirsi di una ventina di isole per circa venticinque chilometri verso nord, sino all’imboccatura del golfo di Astakos.

A - Arcipelago di Echinades (14)

Isole Echinadi - Drakoneres

Considerate sacre nell’antichità, le Echinadi facevano parte del Regno di Ulisse e le troviamo citate da Omero nell’Iliade.

A - Arcipelago di Echinades (39p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (21)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (37 p)

Isole Echinadi - Drakoneres

Nei tempi antichi le isole erano più numerose, ma i continui depositi alluvionali del fiume Acheloos hanno collegato alcune di esse al continente, questo processo è oggi evidente per l’isola di Petales, ormai quasi congiunta all’Acarnania.

A - Arcipelago di Echinades (35p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (38p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (34p)

Isole Echinadi - Drakoneres

Sono comunque ancora molte le isole e gli isolotti distanti dalla terraferma da 1 a 8 chilomerti.

A - Arcipelago di Echinades (19p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (18p)

Isole Echinadi - Drakoneres

L’arcipelago è pressochè disabitato e deserto, nel Mediterraneo è una situazione non comune.

A - Arcipelago di Echinades (28p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (29p)

Isole Echinadi - Drakoneres

Il nome Echinadi, deriva da echino: il riccio di mare in lingua greca. Infatti queste sono isole dai contorni rocciosi, taglienti e pungenti, che feriscono facilmente, come gli aculei dei ricci di mare, è perciò necessario affrontarle coi dovuti modi.

A - Arcipelago di Echinades (26p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (13p)

Isole Echinadi - Drakoneres (la baia delle capre)

I luoghi in cui è possibile sbarcare col kayak sono pochissimi e spesso problematici.

A - Arcipelago di Echinades (8p)

Isole Echinadi - Drakoneres (relitti)

A - Arcipelago di Echinades (11p)

Isole Echinadi - Drakoneres (capre e baracca)

A - Arcipelago di Echinades (6p)

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (23)p

Isole Echinadi - Drakoneres

L’arcipelago delle isole Echinodi è suddiviso in tre sottogruppi.
A sud, al largo della piana alluvionale dell’Acheloos, c’è il gruppo delle isole Ouniades: l’isola di Oxia è la più alta e raggiunge i 421 metri s.l.m., le altre sono: Kouneli, Makri e Vromonas.
A nord dell’arcipelago il gruppo più numeroso forma le Drakoneres, che prende il nome dall’isola Drakonera, la più vasta e che raggiunge l’altezza di 137 metri s.l.m.; le altre isole sono: Kalogiros, Karlonisi, Provati, Pondiko, Tsakalonisi, Pistros, Filippos, Lambrinos, Sofia e Praso.

A - Arcipelago di Echinades (25p)

alcune sperdute Isole Echinadi

A - Arcipelago di Echinades (24p)

L'isola di Atokos di fronte a Itaca, vista dalle Drakoneres - più lontano, a destra, l'isola di Arkoudi e i monti di Lefkada.

Tra i due gruppi si trova il gruppetto delle piccole isole di Modia: Gravaris, Soros, Apada e Modi, l’isola più grande di esse e che da il nome al gruppo.

A - Arcipelago di Echinades (40)p

Isole Echinadi - Drakoneres

A - Arcipelago di Echinades (4p)

Isole Echinadi - Drakoneres (insediamento per l'allevamento del pesce)

Tutte le isole dell’arcipelago fanno parte delle prefetture di Itaca o di Cefalonia.
Molte isole sono private e alcune sembra siano attualmente in vendita con grossi rischi futuri per il patrimonio naturale dell’intero arcipelago.

Su alcune isole si scorgono caprette e piccole baracche apparentemente disabitate, forse servono come base per i pastori di capre che sporadicamente raggiungono l’arcipelago.

Dalla spiaggia di Marathias si raggiunge facilmente l’isola di Kalogiros, distante solo 1,5 km., la prima isola del gruppo delle Drakoneres.

E’ bello pagaiare liberamente tra queste isole ancora selvagge e assolutamente silenziose nonostante l’alta stagione estiva. Di isola in isola si percorre a piacere tutto l’arcipelago, allungandosi verso sud e ritornando percorrendo altre “strade” tra altre isole.

A - Arcipelago di Echinades (30p)

Isole Echinadi - Drakoneres (allevamento del pesce)

A - Arcipelago di Echinades (31)p

Isole Echinadi - Drakoneres (allevamento del pesce)

Colpiscono la nostra curiosità, alcuni enormi allevemanti di pesci tenuti da extracumunitari di origine asiatica e africana, spesso vestiti coi loro costumi e che vivono in fatiscenti baracche galleggianti,

A - Arcipelago di Echinades (32p)

Isole Echinadi - Drakoneres (vasche per l'allevamento del pesce)

A - Arcipelago di Echinades (42p)

Isole Echinadi - Drakoneres, isole disabitate con acqua cristallina e spiagge di plastica

Arcipelago di Echinades

Isole Echinadi - Drakoneres , una delle poche possibilità di sbarco

A sud/est dell’isola di Draconera c’è una baia rocciosa molto bella. Le altre cale, sopratutto quelle più esposte a nord, sono invase da rifiuti plastificati portati dal mare, ma evidentemente “frutto” dell’inciviltà umana che li ha abbandonati a miglia di distanza da questo arcipelago, altrimenti incontaminato.

A - Arcipelago di Echinades (47p)

Il promontorio del Golfo di Astakos e a destra, in lontananza, la baia di Marathias, dalla quale siamo partiti, in kayak da mare,per l'esplorazione dell'arcipelago.

A - Promontorio del Golfo di Astakos- ritorno (7)p

6 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. purtroppo la notizia riportata su varie testate giornalistiche in rete è vera http://www.ansa.it/web/notizie/rubriche/mondo/2013/03/05/Emiro-Qatar-fa-shopping-Grecia-compra-6-isole-_8350590.html
    sono state vendute e a dir il vero nemmeno a tanto.
    Un ringraziamento a chi ha fatto questo sito veramente “bello”.

    grazie
    ariete18

    ariete18

    6 marzo 2013 at 13:00

  2. eko

    5 marzo 2013 at 17:04

  3. gia’ vendute !!!!!
    8.5 mln€. Li ha pagati l’emiro del Qatar per 6 isole greche

    imac74

    5 marzo 2013 at 16:31

  4. Spero di No
    ma temo di Si

    eko

    13 febbraio 2010 at 20:20

  5. vorrei sapere se alcune delle isole echinadi soono in vendita.
    grazie paolo

    Paolo Martini

    13 febbraio 2010 at 19:25

  6. Per aprire le pagine di altri itinerari, cliccare tra l’elenco proposto a destra.
    _____________________________________________________
    Pour ouvrir les pages d’autres routes, cliquez entre la liste proposée sur la droite.
    _____________________________________________________
    To open the pages of other routes, click in the list on the right.

    eko

    21 novembre 2009 at 12:29


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...