Eko

in KAYAK DA MARE, bivaccando libera-mente

Isole di CEFALONIA e ITACA

with one comment

Alle radici di Ulisse

KEFALONIA e ITHACA

in camper e kayak

Isole del Mare Ionio – Grecia

agosto 1999 – di Marco Ferrario

66-cefalonia-itaca021

Prefazione

Un intenso viaggio, iniziato venticinque anni fa, e spesso ripreso nelle estati successive , mi ha portato ad esplorare numerose isole greche alla ricerca di bel mare ma anche della storia e delle radici mediterranee insite nella nostra cultura.
Il Mediterraneo è culla di civiltà e dopo averci generato ha continuato a nutrirci di cultura per millenni.
Il Mare Magnum è anche leggenda e la leggenda fa sognare più della storia, poiché è misteriosa e lascia spazio alla fantasia.
La storia e le leggende del Mediterraneo raggiungono la loro massima espressione nell’Odissea: il viaggio di Ulisse, durato dieci anni e raccontato da Omero.
Ulisse, figlio di un’isola, è nato col mare negli occhi.
Nell’era moderna forse Ulisse non è più un mito, ma per noi kayaker mediterranei lo è ancora; egli rivive in ogni nostra pagaiata, poiché “Ulisse” significa navigare, conoscere il mare, la natura e la sua gente.

“Alle radici d’Ulisse”, è un viaggio alla scoperta del mare che ha visto nascere l’eroe omerico. Ulisse nel suo lungo peregrinare per il Mediterraneo, conobbe luoghi incantevoli, ma mai cancellò dalla mente la sua isola. Numerosi archeologi e studiosi credono che Ithaca sia la patria di Ulisse; ma alcuni ritengono possa invece essere la vicinissima Kefalonia oppure Lefkada (quest’ultima già meta di un mio viaggio effettuato nel 1993). La scorsa estate ho così pensato di concludere il trittico delle ipotetiche patrie dell’eroe omerico, visitando Kefalonia ed Ithaca, che riservano ancora un mare da godere e spiagge poco frequentate nonostante l’alta stagione estiva. Il nostro è un viaggio-avventura, effettuato con tre camper e sei kayak, in totale siamo in dodici persone, sei adulti-genitori con quattro bambini e due ragazzi. Dal porto d’imbarco di Brindisi, parte la nave che fa scalo a Kefalonia, dopo essersi fermata anche nei porti di Corfù e Igoumenitsa.15-cefalonia-itaca080

52-cefalonia-itaca1221

itaca0591

35-cefalonia-itaca0692

ISOLA DI KEFALONIA

cefalonia-mappa2
Dodici ore di navigazione e giungiamo nel canale che separa Ithaca da Kefalonia: è largo dai tre ai cinque chilometri e lungo una ventina.
Col binocolo, osserviamo la costa delle due isole che appaiono selvagge e poco urbanizzate, verdi boschi scendono sin quasi a lambire le acque e in fondo alle baie scorgiamo piccole spiaggette raggiungibili a volte da strade ripide e difficili.
Più che marino, sembra un paesaggio lacustre, certo inconsueto per quanto negli anni passati ci aveva abituato l’aspetto fisico d’altre isole greche.
Sbarchiamo a Sami, piccolo paese (1000 abitanti) ricostruito in modo anonimo dopo il disastroso terremoto del 1953. In banchina e sul molo si trovano alcuni rubinetti d’acqua, in paese non mancano negozi di generi alimentari e di souvenir greci (ottimi i tipici tappeti), diversi ristoranti sono collocati sul lungomare.
Due chilometri ad ovest di Sami, è situato Karavomilos, da qui prendiamo a sinistra seguendo una indicazione che ci porta al parcheggio del lago Melissani: un laghetto salato nascosto in una grotta a cielo aperto. Dopo aver pagato un modesto ingresso, percorriamo un corridoio sottoterra e raggiungiamo la riva del lago ove ci attende una piccola barchetta che ci permette la navigazione. Le ore centrali della giornata sono le migliori per la visita, in quanto il sole penetra attraverso la vegetazione posta attorno al foro sopra al lago e scomponendone i raggi, si creano fantasmagorici riflessi. L’acqua marina che forma il lago di Melissani sembra provenire da Katavothres (vicino ad Argostoli), dove una voragine naturale inghiotte l’acqua dal mare e attraversando l’intera isola, dopo aver formato Melissani, ritorna al mare a Karavomilos, in corrispondenza di un piccolo laghetto-stagno che da ospitalità ad anatre ed uccelli.cefalonia-itaca1321
Da Sami ad Agh. Efmina, 10 chilometri di strada costeggiano un mare pulito e con spiagge ghiaiose, alcuni parcheggi permettono la sosta, ma il luogo non attrae, manca di particolarità e la strada transita troppo vicina alla costa.
Agh. Efmina è un grazioso porto in cui partono traghetti per Ithaca, alcuni yacht sono ancorati in banchina dove si trovano anche prese per l’acqua, pochi ristoranti e negozi vivacizzano il paesino. Per raggiungere l’estremo nord dell’isola, si può facilmente arrivare alla costa orientale e risalirla, oppure, come abbiamo fatto noi, percorrere l’alta e tortuosa strada che si affaccia sul canale che separa Kefalonia da Ithaca. Dopo il monastero di Panaghias Anatolikou s’incontrano le prime deviazioni a destra verso il mare. Sono strade molto tortuose, ripide, strette e poco si addicono ad essere percorse in camper.
Dopo qualche tentativo, siamo riusciti a raggiungere il mare ad Agh. Sofia, ma gli spazi sono molto ristretti e non permettono assolutamente una felice situazione di campeggio.
Finalmente, sull’estremo nord dell’isola, troviamo uno splendido luogo che si addice alle nostre esigenze. E’ la baia d’Emblisi e qui rimaniamo un paio di giorni. I camper sono parcheggiati in uno spiazzo in fondo alla baia, la spiaggia sassosa è a pochi metri, scarichiamo i kayak e li prepariamo per l’escursione del giorno seguente. Di giorno la spiaggia è piuttosto frequentata, ma basta spostarsi sui lastroni rocciosi disposti lungo l’ingresso del piccolo golfo, per trovare lo scoglio tutto nostro, dal quale tuffarsi e nuotare indisturbati. Una piccola colonia di foche, sembra frequentasse queste coste sino a pochi anni fa, guardando le rocce, ci piace immaginare le foche sdraiate al sole o al riparo di grotte e insenature di cui questo tratto di costa è ricco.
Attenzione: nella zona d’Emblisi e Fiscardo non abbiamo trovato alcuna possibilità per fare rifornimento d’acqua al camper.1cefalonia-itaca060

[ IN KAYAK ]
La nostra prima escursione la effettuiamo da Emblisi verso sud, lungo la costa del canale d’Ithaca. Dopo un promontorio roccioso passiamo vicino al faro che annuncia l’ingresso nel canale, ammiriamo il paesaggio restando al largo, alla nostra sinistra, a 3 Km. al di là dal canale, Ithaca appare molto selvaggia e non certo di facile approdo, più ospitale è invece la costa di Kefalonia. Proseguiamo al largo sino alla minuscola isoletta d’Astieri, sulla quale è costruita una cappelletta, (da Emblisi ad Astieri – 5.5 Km.).
Solo 1 Km. ci separa dalla baia di Kamini, la raggiungiamo e risaliamo ora la costa. Le baie si susseguono, avvolte in un verde d’ulivi e cipressi che rendono il paesaggio surreale, potremmo trasferire un lembo di questa costa in un angolo dei nostri grandi laghi prealpini e quasi non ci accorgeremmo.
Nella baia di Dolicha c’è un relitto con l’albero maestro che sporge dal mare, con una maschera e stando in appoggio (noi abbiamo usato il paddle-float), si vede chiaramente il relitto diventato ormai casa per pesci. Baia Foki (nome che ricorda il trascorso con le foche monache) è molto bella ma affollata, la strada che la costeggia dall’alto offre il miglior panorama; lungo la scogliera sud della baia c’è una grotta.
Costeggiando ancora si arriva a Fiscardo, piccolo paesino di 300 abitanti. E’ monumento nazionale, in quanto si è salvato dal disastroso terremoto del 1953 e perciò presenta ancora la tipica struttura veneziana del XVIII° secolo. Dal paese, andando verso il molo del porto, c’è una spiaggetta che rende lo sbarco facile. A Fiscardo i negozi sono ben forniti, così facciamo spesa, e dopo aver riempito i gavoni dei kayak, rientriamo ad Emblisi sfidando il vento da nord che nel pomeriggio s’incunea, violento, nel canale d’Ithaca. (Pagaiata di 15 Km.)

Di sera, torniamo alla piacevolissima Fiscardo a piedi, da Emblisi è una passeggiata di venti minuti, si può seguire la strada oppure un sentiero, ma tornando al buio è importante disporre di una torcia.
2-cefalonia-itaca074
[ IN KAYAK ] Il giorno seguente, affrontiamo la bianca e fantastica scogliera in capo all’isola. Usciti dalla baia d’Emblisi andando ad ovest, incontriamo un’incantevole caletta incorniciata da un verde intenso, è baia Kimilia. I luoghi per una sosta non mancano, la solitudine è totale, il mare splendido… mancano solo le foche monache.
Doppiamo Capo Vliotis e Capo Dafnoudi, ora stiamo navigando verso sud, alla nostra sinistra la scogliera scura è strapiombante, ci si sente piccoli ai suoi piedi, ma l’emozione ci spinge a proseguire. A baia Alaties la costa si fa meno interessante e ciò che più affascina è la vista del promontorio d’Asos che in lontananza emerge dal mare davanti a noi. Di fronte ad un piccolo scoglio, si trova la baia d’Agh.Ierousalim, ma è poco attraente e sporca di catrame; anche la baia sucessiva (Aviaki) non affascina e così torniamo verso Emblisi, non prima però di un’indimenticabile sosta con bagno a Kimilia. (Pagaiata di 27 Km.)

La strada che da Fiscardo porta verso il centro dell’isola, passa dal paese d’Enosi, qui approfittiamo per fare il pieno di gasolio (più a nord non esistono distributori), poi teniamo la destra e imbocchiamo l’alta strada dalla quale ammiriamo il promontorio d’Asos in tutto il suo splendore. 3-cefalonia-itaca072Il fascino è tale che non resistiamo alla tentazione di affrontare la ripida discesa. Un piccolo parcheggio occupa la parte ove il promontorio si fa più stretto, decidiamo così di trascorrere qui la notte. A nord e a sud dominiamo il mare e siamo al centro di questo sublime paesaggio.8-cefalonia-itaca113
Asos è un pittoresco paese di pescatori, disposto ai piedi della montagna, tra ulivi e cipressi. Le case sono imbiancate a calce color pastello. Due piccoli negozi offrono un minimo di servizi. Di sera le tre taverne accendono le loro fioche luci che si riflettono sull’acqua della baia, donando al paese, un’immagine ancor più spettacolare.
All’alba osserviamo il volo dei rapaci che nidificano sulla scogliera.
In vetta al promontorio, dominante il mare, si trova il castello eretto dai Veneziani nel 1595.
Tornati sulla strada principale che panoramicamente scorre 300 metri sopra la scogliera, proseguiamo il nostro itinerario. Ad una curva ci appare in tutta la sua bellezza la baia di Mirtos. 5-cefalonia-itaca035Una lunga spiaggia bianca è racchiusa da un grandioso anfiteatro di chiara roccia grigia. Il talco che compone questi sassi si scioglie continuamente nell’acqua, donando al mare un intenso color turchese.
Presso un paio di bar-ristorantini disposti sulla spiaggia, è possibile affittare sdraio e ombrelloni. Il parcheggio è ampio e così anche la spiaggia che offre molto spazio ai numerosi bagnanti.
Verso sud, nel punto in cui termina la strada sterrata, c’è il posto migliore per sistemare i camper, la posizione è meno trafficata.
Alle nostre spalle, grosse capre dall’aspetto di stambecchi, si arrampicano agilmente tra le strapiombanti rocce. In fondo alla baia, verso sud, la spiaggia si ripara in una grotta per poi affacciarsi nuovamente al mare. Il posto è veramente bello ma l’acqua a volte appare sporca, forse qualche nave ha scaricato al largo e il vento da nord-ovest ha spinto tutto qui.
4-cefalonia-itaca037
[ IN KAYAK ] Da Mirtos, siamo tornati sui nostri passi, costeggiando a nord, per vedere dal mare il promontorio di Asos. La cala dopo Mirtos, presenta tre belle spiagge di sassi bianchi, di cui una è raggiungibile passando sotto una grotta. Poi giungiamo ad Asos, ai piedi del luogo dove avevamo trascorso la notte coi camper, ma non ci sono possibilità di sbarco. Per arrivare al paese dobbiamo perciò costeggiare il promontorio del castello e sbarcare così sulla spiaggetta della baia d’Asos (dalla parte opposta dell’istmo sul quale avevamo parcheggiato).
6-cefalonia-itaca014 A nord, la costa, caratterizzata da alcune grotte, prosegue ripida ed inaccessibile, così torniamo alla penisola del castello e attraversando al largo, puntiamo direttamente su Mirtos. (Pagaiata di 19 Km.)

L’intero golfo di Mirtos (dal promontorio d’Asos a capo Katergaki) è bellissimo.

[ IN KAYAK ] Partiamo da Mirtos di prima mattina, il mare è calmo e decidiamo di puntare su capo Katergaki (traversata di 8.5 Km.). Proprio su questa punta, c’è una grotta a cielo aperto; poi le spiagge di Fteri: sono bellissime, una striscia di sassi bianchi arrotondati ai piedi di una bianchissima scogliera strapiombante.
Dopo capo Agianniou sbarchiamo alla piccola e tranquilla baia Vouti e verificata la percorribilità della strada, decidiamo che non è consigliabile venire qui coi camper.
La lunga spiaggia d’Agh. Kiriakis è interamente percorsa da una comoda strada sterrata, alcuni camper hanno trovato una buona sistemazione ma a noi appare complessivamente un luogo mediocre, nel golfo di Mirtos c’è ben altro.11-cefalonia-itaca018
Ancora qualche chilometro e prima di entrare nella baia di Mirtos, troviamo una grande grotta in fondo alla quale c’è un’ampia spiaggia; mentre i pipistrelli, stridendo, svolazzano sopra le nostre teste, facciamo qui un’inconsueta nuotata.
Intanto, il mare del pomeriggio ha cambiato aspetto, le onde s’infrangono sulla spiaggia di Mirtos, non rimane che spiaggiare tentando un surf, ma non per tutti è stato facile. Chi più ne ha sofferto è stato un kayak, il più costoso e il più nuovo, che a causa dello spessore ridotto dalla carena, si è aperto. Provvisoriamente è stato poi riparato con del mastice. (Pagaiata di 24 Km.)

Dal paese collinare d’Atheras, uno sterrato di 3 Km., conduce all’omonima baia, ove su un prato recintato è consentito sistemare gratuitamente camper e tende. I proprietari del terreno sono gli stessi che gestiscono la taverna, nella quale si possono gustare ottimi piatti a base di pesce. Per lavarsi l’acqua non manca, ma è meglio non riempire i serbatoi del camper in quanto appare fangosa.
La spiaggia è molto stretta e sporca di catrame, l’angolo più particolare è dove si trova la chiesetta azzurra d’Agh. Spiridonas ai piedi della quale, alcuni pescherecci colorati allietano il paesaggio.
La profonda baia è come un imbuto che si apre verso il mare aperto, la spiaggetta è al suo termine, in corrispondenza del punto più stretto.
18-cefalonia-itaca075
[ IN KAYAK ] A 1 Km. dalla spiaggia, un isolotto roccioso è situato proprio in mezzo alla baia, i bambini s’entusiasmano nel circumpagaiarlo; sulla costa ad ovest del golfo ci sono due piccole spiaggette, il resto, è tutta alta roccia.
Mentre i bimbi tornano, noi usciamo da capo Atheras iniziando a costeggiare verso sud. La scogliera è alta e deserta e alcuni scogli sparsi sull’acqua vivacizzano la costa.
Raggiungiamo la minuscola baia Agni, ma davanti a noi si presentano chilometri di scogliere apparentemente senza approdi, decidiamo così di tornare.
Nel frattempo, il mare si è agitato e capo Atheras ora è bianco di schiuma, le onde rifrangono violente e s’insinuano tra gli scogli a mare, c’è in noi qualche preoccupazione, l’attenzione è al massimo, siamo in
appoggio continuo, ma lentamente si procede. Doppiato il capo, siamo ora sospinti di poppa, lentamente il moto ondoso si affievolisce e arrivati all’altezza dell’isolotto tutto torna tranquillo. Sembra impossibile
che poco più a nord il mare continui ad impazzare. (Pagaiata di 19 Km.)

Ci spostiamo ora lungo la costa occidentale. Petani è una bella baia con due taverne, gli spazi per parcheggiare non sono molti, in considerazione anche del fatto che durante le ore centrali della giornata molti turisti arrivano su questa spiaggia. Alcuni cartelli vietano il campeggio, così parcheggiamo per un paio di giorni, evitando d’utilizzare verande e tavolini.
I sassi di Petani riflettono infinite sfumature di blu e al tramonto il sole rosso che si tuffa in mare tra gli scogli di capo Mitakas, è un’immagine indimenticabile.
[ IN KAYAK ] Nell’angolo a nord della baia, proprio sotto al luogo dove abbiamo parcheggiato i camper, c’è un piccolissimo porticciolo al riparo dalle onde che da nord-ovest si abbattono sulla spiaggia.
Dall’alto, gli scivoli costruiti con tronchi d’albero, servono per calare in acqua piccole barche. Portiamo qui i kayak e iniziamo l’esplorazione della costa a nord, bella e selvaggia, con alte rocce, piccole grotte e spiagge. 10-cefalonia-itaca012Arriviamo sino poco a sud di baia Agni, poi nel tornare ci fermiamo alla spiaggia di Halkes per esplorarla a piedi; è una spiaggia grande e assolutamente deserta, c’è una piccola valle e poi è tutta roccia a picco sulla spiaggia. Il posto è splendido per sostare con le tendine, ma solo se si è portato tutto il necessario per sopravvivere. (Pagaiata di 15 Km.)

12-cefalonia-itaca08117-cefalonia-itaca11413-cefalonia-itaca08214-cefalonia-itaca08316-cefalonia-itaca084[ IN KAYAK ]
Coi kayak, andando ora verso ovest, nello stesso golfo di Petani, incontriamo la tranquilla spiaggetta d’Agh. Elenis, è meno esposta alle onde e può offrire ospitalità ad alcuni camper.
Attorno a capo Mitakas, sono disposti una miriade d’isolotti (Twelve), alcuni mi ricordano le caratteristiche cime del Monte Resegone, osservato spesso dal balcone di casa mia. Un canale ci permette di navigare tra queste movimentate vette, piccole onde spumeggianti rendono vivacità all’esplorazione. Più avanti, ancora isolotti, di cui uno molto particolare, è un tronco di cilindro bianco a strapiombo sul mare, in cima un verde prato lo chiude trasversalmente. Proseguiamo ancora sino al primo segnale di presenza umana: il monastero di Theotokou Kipoureon che domina dall’alto la baia Kipouria. Poi, da capo Skiza, torniamo verso Petani. (Pagaiata di 22 Km.)

24-cefalonia-itaca054 La lunga spiaggia rossa di Xi e Megas Lakos è un paesaggio che ha il suo fascino. In entrambe i posti, la
strada si conclude presso alcuni hotel vicini al mare. Le spiagge sono attrezzate con ombrelloni e lettini, bar e docce.
Proprio a metà tra questi frequentatissimi luoghi turistici, siamo riusciti ad arrivare a mare seguendo un pessimo sterrato e qui ci sistemiamo. Siamo a poche centinaia di metri dalla folla, ma rimaniamo per un paio di giorni in compagnia solo di qualche mucca che pascola nel prato accanto.
20-cefalonia-frana-su-spiaggia-11821-cefalonia-itaca042
[ IN KAYAK ] Costeggiando verso ovest, dopo capo Xi, grigie e verticali pareti argillose sovrastano la rossissima sabbia, creando un affascinante contrasto. In alcuni punti, grosse frane ne interrompono la continuità. Ai piedi di capo Akrotiri, verso la parte terminale della spiaggia, ampi spazi offrono ospitalità ad alcuni camper.
Oltre la punta, la costa continua bassa e rocciosa. Arriviamo sino ad Agh. Nikolaos, anche qui spiagge rosse e qualche camper. Davanti a noi, la costa sembra meno attraente e perciò rientriamo al nostro campo. (Pagaiata di 15 Km.)

[ IN KAYAK ] Al largo, di fronte alla nostra spiaggia, vediamo l’isola di Vardiani. Di notte il faro riflette la sua luce in mare. Dista solo 3 Km., la tentazione è forte, così il giorno seguente siamo ancora in mare. Sicuramente la nostra fantasia l’immaginava più bella, infatti, non è particolarmente attraente e la chiesetta Evangelistria è in rovina.
Accanto, l’isoletta di Paraniagaki è frequentata dai gabbiani.
Dall’isola di Vardiani, 3.5 Km. di traversata e siamo a capo Agh. Georgios, sulla spiaggetta della punta,
prima di entrare nel poco interessante golfo d’Argostoli, ci fermiamo e troviamo grosse belle
conchiglie. Ancora 2 Km. di spiagge rosse e siamo nuovamente ai camper. (Pagaiata di 11 Km.)

Lixouri è una vivace e comoda cittadina, qui è possibile rifornirsi di viveri e riempire d’acqua i serbatoi del camper (vicino al porto ci sono anche i servizi). Dal porto ogni ora parte un traghetto per Argostoli, impiega 25 minuti, ma noi preferiamo percorrere la strada che costeggia il golfo d’Argostoli. Da Lixori, la costa è piatta e non interessante, l’acqua non sembra pulita e in fondo il golfo s’impaluda, la strada poi inizia a salire scorrendo alta e tortuosa sul versante orientale che ripido scende in mare, nel quale si vedono vasche adibite all’allevamento.
Il transito sul ponte costruito dagli inglesi è permesso solo alle auto, pertanto per entrare ad Argostoli percorriamo la strada tra la pineta e il Kontavos Lagon.
Argostoli è la capitale dell’isola. Alla sera, il corso principale e piazza Valianou si animano, eleganti negozi, bar, ristoranti ma anche taverne più popolari, vivacizzano il cuore della cittadina.
Il museo storico e culturale è chiuso e lo sarà anche la mattina seguente, se non apre quando l’isola è piena di turisti, quando apre?
La notte la trascorriamo sul promontorio del faro d’Agh. Theodorou, a parte il forte vento, il luogo è molto tranquillo.
La mattina seguente torniamo al porto a fare il pieno d’acqua e ci fermiamo sul lungomare dove si tiene un pittoresco mercato di frutta, verdura e pesce.
Proseguendo il nostro itinerario lungo costa, incontriamo posti molto belli ma la pressione turistico- alberghiera è elevata, perciò poche sono le opportunità di sosta col camper e tutte distanti dal mare quel tanto che basta per scoraggiare lo scarico dei kayak.26-cefalonia-itaca063
Un bagno a Makris Gialos è d’obbligo, parcheggiamo in un bosco di pini marittimi e scendiamo la scalinata che conduce alla spiaggia. Presso alcuni bar è possibile noleggiare lettini e ombrelloni, si fatica a trovare un angolo libero. Le spiagge e gli scogli rossi di Platis Gialos, che abbiamo raggiunto a piedi e a nuoto, offrono uno splendido insieme: da cartolina. L’acqua è da sogno, ma siamo in un luogo che non si addice al nostro modo di intendere la vacanza.
Riprendiamo il camper, dalla zona dell’aeroporto in poi, per una decina di chilometri, numerose deviazioni portano a belle calette intervallate da scogliere, ma sono molto frequentate e gli spazi sono angusti; in camper è impossibile trovare una buona sistemazione.
Finalmente, a baia Spartias, troviamo qualche spazio, non è una situazione di campeggio ma riusciamo a parcheggiare nei pressi della chiesetta di d’Agh. Gerassimos, proprio di fronte al mare. C’è una piccola spiaggia, un porticciolo di pescatori oltre al quale si trova un’altra spiaggia disposta sotto una parete a strapiombo. Dalla parte opposta della baia, un basso promontorio roccioso crea suggestivi scorci, alcuni ponticelli lo rendono facilmente fruibile ed è divertente tuffarsi e nuotare tra queste rocce.
27-cefalonia-itaca01128-cefalonia-itaca055
[ IN KAYAK ] Un susseguirsi di rocce e calette solitarie, caratterizza la costa attorno a capo Liakas, poco prima del quale, passiamo sotto un arco roccioso. Oltre il capo, 2 Km. più ad ovest, appare il grande scoglio dell’isola di Dionisi.
Credo, che mai dimenticheremo i nostri kayak ormeggiati ai piedi delle verticali pareti dell’isola, sembrano sospesi nell’aria tanto l’acqua è trasparente. Il mare luccica di riflessi dorati mentre noi percorriamo la ripida e sconnessa scala sino in vetta all’isola, dove sorge, come fosse in capo al mondo, la piccola chiesetta di Panaghia Diotissa. Da quassù il panorama abbraccia l’isola di Zakynthos e ancora più lontano scorgiamo la costa del Peloponneso. Non è facile staccarsi da quest’isoletta. Così nuotiamo e pagaiamo attorno ad essa per godere ancora un poco di tanta bellezza.
Nei pressi, altri scogli abbelliscono il panorama, li raggiungiamo e poi ritorniamo lungo la costa.
Arrivati a capo Liakas, un peschereccio al largo cattura la nostra attenzione, il pescatore grida rivolto a noi, ma siamo lontani e non capiamo. Inizialmente ci chiediamo se stiamo disturbando la pesca, ma visto che continua a sbracciarsi e urlare, forse ha bisogno d’aiuto. Ci avviciniamo, è un pescatore anziano che con la sua compagna cerca di tirare a bordo le reti ma senza riuscire, proviamo a tirare insieme con lui, ma non c’è niente da fare.
Gonfio il paddle-float ed entro in acqua, con la maschera osservo che la rete blocca il timone e l’elica. Il pescatore mi porge un grande coltello affilatissimo, ma l’impresa richiede almeno una mezzora di lavoro, consistente in numerosissime immersioni per tagliare la rete e liberare timone ed elica. Finito il lavoro, il pescatore mi promette del pesce per l’indomani ed io, soddisfatto ma sfinito, rientro a Spartias.
(Pagaiata di 11 Km.)

Il paese di Spartia si trova in collina, a 2.5 Km. dalla sua baia. C’è qualche casetta lungo la strada che dal paese scende al mare, l’ultima costruzione è un discreto albergo situato dietro alla chiesetta.
Possibilità di parcheggio non mancano e noi c’eravamo sistemati oltre la chiesetta, in posizione defilata, ad una cinquantina di metri dall’ingresso dell’albergo. Spesso gli albergatori si sentono infastiditi dalla presenza di camper; vorrebbero privatizzare terra e mare circostanti ad esclusivo uso e consumo dei loro clienti. Al tramonto, si avvicinano così ai camper e affermano che non possiamo sostare e dobbiamo andarcene. Con estrema cortesia, ma ritenendo di non essere in torto, ci siamo rifiutati d’andarcene e qui siamo rimasti anche il giorno seguente.
[ IN KAYAK ] Pagaiando nel golfo di Lourdata, scogliere si alternano alle calette che sono gli accessi a mare dei paesini posti in collina.
Pesada è un porticciolo disabitato, un paio di camper sono nell’attesa del traghetto che li porterà sull’isola di Zakynthos.
Ad Agh. Thoma la baia è resa più interessante da piattaforme rocciose vicino alla spiaggia, zona alberata e acqua nei pressi.
Trapezaki è una graziosa spiaggia sabbiosa e Lourda è la più affollata.
In tutti questi posti abbiamo visto taverne sulla spiaggia e camper parcheggiati.
Torniamo alla baia di Spartias, che, tra tutte, è ancora la più piacevole. (Pagaiata di 12 Km.)

Tra la lussureggiante vegetazione d’uliveti, aranceti e platani, attraversiamo in camper ridenti paesini collinari. Dalle villette splendidi fiori dai colori vivaci si sporgono sulla strada e mi ricordano più qualche paesino affacciato sul lago Maggiore, che le particolarità di isole Egee.
Siamo ora diretti verso l’estremo sud-orientale dell’isola, dal paesino d’Atsoupades una strada che più avanti si fa molto ripida e sterrata, conduce alla baia di Koroni. Arrivati qui, sistemiamo i camper ad “U”, creando un esclusivo balcone a mare. A pochi metri, un’alta e ripida duna, scende fin sopra la spiaggia, per la gioia dei bambini che si lanciano giù, rotolandosi o sciando.
30-cefalonia-itaca03131-cefalonia-itaca032
[ IN KAYAK ] Verso nord-ovest s’incontra una costa assolutamente selvaggia. A 2 Km. da Koroni, su una vasta e lunga spiaggia deserta, dalle verdi vallate scendono torrenti che creano un’indimenticabile scenario. Arriviamo sino alla spiaggia di Sisia, raggiungibile anche da un pessimo sterrato, per poi tornare a Koroni. (Pagaiata di 9 Km.)

La notte rimaniamo soli, anche durante il giorno pochissime persone si sono avventurate sin quaggiù, per lo più con motorini o mezzi con quattro ruote motrici.
A baia Koroni l’unico segno della presenza dell’uomo è la strada che scende alla baia. L’acqua non manca: al primo tornante, salendo, si trova un bocchettone d’acqua abbondante e freddissima.

32-cefalonia-itaca03333-cefalonia-itaca034[ IN KAYAK ]
Verso sud-est, la costa è rocciosa e deserta sino al faro di capo Katelios, oltre il quale, la baia omonima, è molto affollata e frequentatissima da camperisti, pur non essendo particolarmente bella. Più bella appare la baia di Kaminia, prima di capo Mounda (Pagaiata di 19 Km.)

Da Koroni, i camper salgono lungo la strada molto lentamente ma inesorabilmente; qualcuno non era poi così sicuro che saremmo riusciti a risalire, ci siamo tolti così una preoccupazione.
spiaggia-con-fiore-agave
Da Ratzacli, poco prima di Skala, prendiamo una strada che ci porta sulla spiaggia di Kaminia, si estende per un paio di chilometri, è sabbiosa e piccole dune la separano da uno sterrato. Percorrendolo, s’incontrano alcuni slarghi nei quali sostare. Per ovvi motivi preferiamo sostare lontani dall’hotel.
Robusti fiori d’agave alti alcuni metri e candidi gigli rendono le dune ancor più belle; quale miglior giardino per il nostro soggiorno !?!
Sulla spiaggia i bimbi si divertono a costruire castelli e piste per biglie.
La guida dice che la spiaggia di Kaminia è frequentata dalle grandi tartarughe di mare, ma di caretta-caretta, neanche l’ombra.
Ricordo che qualche anno fa, mentre pagaiavo a sud del Peloponneso, vidi una tartaruga nei pressi di un’isoletta. Ricordo anche che una notte di luglio su una spiaggia, alcune tartarughe avevano depositato le loro uova; ci accorgemmo solo la mattina seguente, per le inconfondibili tracce che avevano lasciato sulla sabbia, simili ad uno strano carro armato.
Siamo in agosto inoltrato, e le tartarughe ormai non depongono più le uova, così, come per le foche, a nord dell’isola, ci rassegnamo a vederle solo su cartolina.
In fondo alla spiaggia le rocce ocra di capo Mounda, segnano l’estremo sud dell’isola.
Skala è una cittadina turistica, la bella e attrezzatissima spiaggia è affollata da turisti inglesi. Molti secoli orsono erano i romani a costruire qui le loro ville, ne visitiamo i resti con pregiati pavimenti a mosaico.
Alla sera, i bambini disputano un’accanita partita a calcio contro una rappresentativa locale, è troppo bello ammirarli mentre giocano.
A nord, sul finire della spiaggia, sono fermi alcuni camper. Altri ne scorgiamo dalla strada che costeggia andando verso Poros.
La costa è prevalentemente rocciosa con qualche caletta.
Poros è un altro movimentato villaggio che vive di turismo. Dal suo porto partono i traghetti per Kyllini, nel Pelopponneso. Qui i camper sono fermi in fondo alla lunga spiaggia sassosa di baia Ragia. Lo sterrato che prosegue alto sulla costa non porta vicino al mare ed è molto sconnesso, pertanto torniamo alla spiaggia di Ragia.
34-cefalonia-itaca068137-cefalonia-itaca01038-cefalonia-itaca02539-cefalonia-itaca030
[ IN KAYAK ] Esploriamo il mare a nord di Poros, è molto bello e si apprezza pianamente stando sotto costa.
Per 17 Km non ci sono accessi da terra. Una catena montuosa che supera i mille metri, scorre parallela alla costa, è un susseguirsi di frastagliati anfratti, spiagge, rocce, acqua limpidissima e paesaggi bucolici. Le capre dalla montagna scendono sino al mare. Poco prima di capo Sikia e nei pressi di capo Paki si trovano gli anfratti e le baie più affascinanti.
A baia Andisamos il paesaggio si fa più dolce, la verde collina scende verso la spiaggia di candidi sassolini, posta in fondo al golfo. C’è un chiosco e un parcheggio, ma una sbarra a due metri impedisce l’accesso ai camper. Un paio di yatch sono ancorati in una piccola insenatura sul lato nord del golfo.
Torniamo ripercorrendo l’idilliaca sponda. (Pagaiata di 37 Km.)46-cefalonia-itaca078
42-cefalonia-itaca066

48-cefalonia-itaca09647-cefalonia-itaca095

45-cefalonia-itaca077
36-cefalonia-itaca009
43-cefalonia-itaca079
Sono ormai tre settimane che siamo a Kefalonia, il giro dell’isola è terminato e ……. Ithaca ci attende.
cefalonia-itaca1281
ISOLA di ITHACA

Da Sami (Kefalonia), il traghetto impiega 45 minuti ad arrivare a Vathi, porto principale e capitale dell’isola d’Ithaca.
Importante è arrivare a Vathi col pieno d’acqua nel camper, altrimenti è necessario chiamare il camioncino con la cisterna, che dalla montagna porta l’acqua in paese.
Il porto è situato in fondo al profondo golfo, il mare aperto non si vede, sembra un lago. Le piccole case, ricostruite com’erano prima del terremoto del 1953, sono disposte ad anfiteatro attorno alla baia.
Taverne e negozi offrono il necessario, l’insieme è genuino e popolare, molto meno turistico di Sami.
Visitiamo il piccolo ma curato museo archeologico.
Al pomeriggio, il vento che s’incanala nel golfo, alza le onde e i loro spruzzi bagnano la strada del lungomare.
La navigazione in kayak nel golfo di Vathi e nella parte orientale di quello di Molos, non è consigliabile nelle ore pomeridiane.
Diversi yacht si ancorano nel lato occidentale del golfo di Vathi, nel luogo meno esposto. Il forte vento scoraggia la ricerca di un buon posto per i camper lungo questa costa.
Ci dirigiamo perciò verso il vicino lato orientale dell’isola. La fortuna a voluto che siamo riusciti facilmente a trovare una splendida sistemazione nella baia di Filiatro. Qui ci sono: acqua azzurra, rocce bianche, spiaggia di ciottoli e una piccola taverna sotto l’ombra degli ulivi. Col camper passiamo tra la taverna e la spiaggia e prestando attenzione agli alberi, ci sistemiamo poco oltre, tra gli ulivi, a pochissimi metri dalla spiaggia stessa.
Di sera, seduti ai tavolini della taverna, sotto l’uliveto e col mare ad un passo, in pace e felicità, gustiamo pesciolini e patatine fritte.
Ci renderemo poi conto che, ad Ithaca, è questo il posto migliore per fermarsi col camper.
itaca058
[ IN KAYAK ] A nord, in poco tempo si raggiunge la baia di Gidaki, cala splendida e selvaggia di bianchi sassi sotto la ripida scogliera, nei pressi altre più piccole spiagge. Nelle ore centrali della giornata Gidaki si riempie di turisti portati sin qui dalle barche che fanno il giro dell’isola. Poi nel pomeriggio la spiaggia si svuota e si alza un forte vento.
Risaliamo in kayak sino a capo Skinos, ma il vento ci suggerisce un veloce rientro a Filiatro. (Pagaiata di 10 Km.)

itaca108itaca109[ IN KAYAK ] Molto più rilassante è la pagaiata verso sud. Un poco di vento in cima a capo Sarakiniko e poi è tutto mare liscio e tranquillo.
La punta di Sarachinico è spettacolare per le alte rocce strapiombanti. La cala è molto profonda e quasi lagunare. Si prosegue tra scogli e calette deserte, unica presenza umana, presso una zona adibita ad allevamento, con relativa costruzione industriale che mal s’inserisce in questo paesaggio. Poi costeggiamo la verdissima isola di Perapigadi, oltre la quale il paesaggio si fa più aspro e ripide falesie scendono in mare.
In alto, sulla montagna, c’è una grotta che si ritiene sia stata quella d’Eumeo. Nei pressi c’è la fonte Arethousa, dove il pastore portava i maiali d’Ulisse ad abbeverarsi; quando poi Ulisse, travestito da
mendicante, rientrò in patria, la prima persona che incontrò fu Eumeo, proprio qui alla fonte Arethousa.
Dopo il faro d’Agh. Ioannis, proseguiamo sino all’estremo sud dell’isola e ci fermiamo a cala Agh. Andreas: un calanco molto selvaggio, incassato tra le montagne, sul fondo si trova una piccola cala sassosa. Sembra che Telemaco sbarcò in questa cala, per sfuggire all’imboscata dei pretendenti di Penelope, che lo aspettavano nel canale d’Ithaca. (Pagaiata di 33 Km.)

itaca1051Prima di dirigersi verso il nord dell’isola, ci rechiamo, in camper, a Piso Aetos. E’ un porticciolo affacciato sul canale d’Ithaca, da qui partono piccoli traghetti locali per Kefalonia e Lefkada, il posto non è particolarmente attraente, così torniamo verso il golfo di Molos, che da est entra in profondità nell’isola, spezzandola quasi in due parti. Abbandoniamo la parte sud e prendiamo la strada per Anogi.
Dopo alcuni tornanti, ci troviamo a quasi 600 metri di quota, nei pressi del monastero di Katharon. Ci fermiamo per gustare meglio il sublime panorama: la visione è aerea, oltre il canale d’Ithaca si contemplano i netti contorni di Kefalonia e riconosciamo le baie già esplorate. A sud, in lontananza, il Pelopponneso appare velato da foschia; mentre ad est, i numerosi isolotti situati tra Ithaca e il continente, attirano la nostra curiosità, un domani, forse, potrebbero essere meta di un nostro nuovo viaggio in kayak, naturalmente. Oltre il golfo di Molos, vediamo Vathi e le baie circostanti. Sotto di noi si estende la scoscesa ed inaccessibile (da terra) costa nord-occidentale del golfo di Molos. La montagna dovrebbe proteggerla dal vento di NW, peccato che noi non abbiamo la possibilità d’esplorarla in kayak.
A Stavros, ci fermiamo in piazza, vicino alla chiesa c’è un rubinetto d’acqua freschissima e ne approfittiamo per riempire la nostra scorta idrica. Una strada a destra, ci porta a Frikes, oltre il quale, proseguendo sul lungomare, arriviamo a Kioni. Qui la strada è sbarrata, parcheggiamo e scendiamo a piedi verso la baia. Il vecchio paesino di pescatori e contadini, oggi vive anche di turismo. E’ situato in una profonda baia rocciosa e circondato da cipressi e ulivi che degradano dalle colline circostanti. Da Kefalonia, alcune barche organizzano escursioni attorno ad Ithaca, tutte si fermano qui, il lungomare si riempie di turisti, ma bisogna ammettere che il luogo merita veramente una visita. Forse, in bassa stagione, sarà possibile percorrere la strada di 4 Km. che da Kioni si dirige a capo Agh. Ilias.
Dalla parte opposta di Kioni, verso sud-est, c’è una caletta comoda per un bagno.
La strada che da Kioni torna a Frikes, scorre sul mare e ci permette di ammirare una costa molto frastagliata, ricca di baie e promontori rocciosi. In questo tratto, il mare sembra essere più trafficato, c’è anche un centro-vacanza con annesse attività nautiche.
Frikes si trova in mezzo a una verdeggiante valle che chiude il golfo nel punto più profondo. Qualche yatch è ancorato vicino al molo da dove partono i traghetti per Fiskardo (Kefalonia) e Lefkada. Poche case e i tavolini delle taverne in riva al mare completano il piacevole scenario.
Tornati a Stavros, imbocchiamo una strada stretta che scende molto ripida e termina alla tranquilla baia di Polis. C’è un chiosco, una casetta, una mediocre spiaggia, qualche barchetta di pescatori e un paio di piante di ottimi fichi quasi maturi al punto giusto.
La baia non è eccezionale, ma ci permette di portare comodamente i kayak in acqua per l’ultima pagaiata della vacanza.
itaca070
[ IN KAYAK ] All’alba siamo già sui nostri kayak, per poter tornare, prima che il vento alzi il mare. Ci dirigiamo a nord dove il monte Douchera si butta in mare dai suoi 519 metri d’altezza, la costa è completamente selvaggia e deserta. Arrivati a capo Exogi attraversiamo velocemente il golfo d’Afales e riprendiamo a costeggiare la scogliera che si abbassa gradualmente sino a capo Agh. Nikolaos, ancora un chilometro e siamo alla spiaggia di Marmaka (16 Km. da Polis). Una strada sterrata giunge sin qui, qualche costruzione a nord e a sud della baia e alcuni alberi dietro la spiaggia che è deserta. Alcune centinaia di metri al largo, un basso isolotto ospita la cappelletta d’Agh. Nikolaus.
Tornando, percorriamo interamente la costa del golfo d’Afales, appena entrati, dopo punta Melissa (estremo nord dell’isola), la costa è bellissima e articolata, c’è una minuscola baia e una bianca scogliera sovrasta alcune spiagge. Poi l’esplorazione si fa meno interessante, una strada sterrata raggiunge la parte terminale del golfo, ma non ci sono possibilità di sosta per i camper. Dopo otto ore di kayak, alle due del pomeriggio, siamo rientrati a Polis, col vento che già spingeva di poppa. (Pagaiata di 37 Km.)

itaca103A Polis trascorriamo la più brutta notte della nostra vacanza. La tranquillità, è rotta verso l’una da un nutrito numero di ragazzi greco-americani, che arrivati con alcune auto sulla spiaggia, hanno pensato di organizzare una festa da sballo. Tambureggiante e ossessiva musica tecno a tutto volume, balli, urla e lugubri grida ci hanno lasciato insonni sino alle cinque del mattino.
Più a sud di Polis, a metà del canale d’Ithaca, un pessimo sterrato che si diparte dalla strada principale scorre un poco più vicino al mare. In questo tratto ci sono alcune ville in costruzione. Con molta fantasia ci inventiamo un parcheggio e scendiamo alla spiaggia d’Agh. Ioannis, è carina, di sassi e si protende verso il canale d’Ithaca. Nelle vicinanze altre spiagge e scogliere sono raggiungibili a piedi o a nuoto, un chilometro a sud, da una piccola entrata a mare, si può accedere in una grotta che sul fondo si apre al cielo.
Sulla spiaggia di Agh. Ioannis conosciamo altri italiani che affermano di venire in vacanza ad Ithaca da diversi anni, per ritrovare qualche giorno di pace.
La nostra permanenza ad Ithaca è durata sei giorni.
Al porto, mentre aspettiamo la nave che ci riporterà in Italia, un violentissimo nubifragio con fortissime raffiche di vento si scarica sull’isola. Durante le quattro settimane di soggiorno tra Ithaca e Kefalonia, è il primo e l’unico giorno in cui abbiamo visto il cattivo tempo.
La Spiaggia di Ag. Ioannis
La spiaggia di Agh. Ioannis su Itaca
Viaggio di: Aldo, Davide, Federico, Gabriele, Gianluca, Jacopo, Luciana, Marco, Mariangela, Marino, Massimo, Roberta.

L’articolo è stato pubblicato in due puntate su “IL KAYAK DA MARE”: Ithaca – primavera 2000 vol.2 n°3 e Kefalonia – estate 2001 vol.3 n°4

Una Risposta

Subscribe to comments with RSS.

  1. dalla colonna “Articoli Recenti” (in alto a destra) cliccare l’articolo di interesse.

    eko

    1 febbraio 2009 at 20:23


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...